Teatro della Pergola: storia, direttore artistico e novità

Il Teatro della Pergola a Firenze, uno dei più antichi di Italia, riapre la stagione con un calendario innovativo grazie anche al suo direttore artistico in carica: Stefano Accorsi.

Il teatro 

La Pergola è parte integrante della città di Firenze e delle vicende delle famiglie nobiliari che lo hanno fondato. Sarà curioso per te osservare come il teatro conservi ancora nell’atrio alcuni degli stemmi lignei che identificavano, sulla porta dei palchi, la proprietà di ciascuna famiglia. I palchi, caratteristica peculiare del teatro all'italiana, nacquero proprio con la Pergola: si trattava di piccoli spazi separati che permettevano ad ogni famiglia di ammirare lo spettacolo da una posizione privilegiata.

Il teatro sorge in una posizione centralissima ed è uno dei più antichi e ricchi d’Italia. E’ nato infatti nel 1656 su progetto di Ferdinando Tacca, come una sala unica sul modello degli spettacoli nei cortili dei palazzi rinascimentali: i nobili si affacciavano alle finestre e potevano ammirare giochi, battaglie e spettacoli vari.  Furono gli Accademici Immobili, un gruppo di nobili dediti alla coltivazione delle arti, a volere un teatro più grande di quello del Cocomero in Via Ricasoli, per le attività accademiche. 

Oggi la Pergola è molto più di un teatro: è il centro culturale della Fondazione Teatro della Toscana. Le attività che svolge sono varie, ma resta il teatro di prosa la sua punta di diamante. Lo spettacolo in questo Teatro è come una sacra liturgia dove prendono vita solo grandi allestimenti e i testi della drammaturgia mondiale, senza dimenticare il teatro contemporaneo.

Se entrerai alla Pergola ricorda che passeggiare nei corridoi del teatro è come leggere un libro cosparso di nomi immortali”.

Teatro della Pergola

Stagione 21-23: Stefano Accorsi direttore artistico 

Uno dei teatri più antichi di Italia, il Teatro della Pergola, è oggi uno dei più innovativi. Con “l’obiettivo di rimarcare una forte identità europea nel segno soprattutto dei giovani, per una nuova narrativa che parta dalla città delle arti e dal protagonismo del suo massimo teatro”, la Fondazione Teatro della Toscana ha nominato Stefano Accorsi, attore italiano noto a tutti, Direttore Artistico per il triennio 2021-2023. 

Il teatro, infatti, ha lanciato un calendario 2021-2022 che prevede molte date di altissima qualità del teatro italiano e, per la prima, volta anche spettacoli in lingua: “nel corso di quest’anno è stata costruita, sviluppata e consolidata una ampia rete di relazioni internazionali, con un intenso lavoro finalizzato a specializzare e valorizzare i giovani delle scuole della Fondazione da una parte e a entrare in coproduzione nella maggiori realizzazioni spettacolari dall’altra, a partire dal rapporto con il Théatre de la Ville di Parigi, il Lliure di Barcellona, la Fondazione Onassis di Atene e il Watermill Center di New York e poi ancora con Oslo, Madrid e altri capitali europee”.

Alcuni spettacoli da segnare: Jungle Book, un’entusiasmante rivisitazione del famoso romanzo di Kipling, Six Personnages en quête d’auteur, Pirandello rivisitato da Emmanuel Demarcy-Mota, Mine Vaganti, lo spettacolo di Ferzan Ozpetek, Storia di 1, per vedere in scena Stefano Accorsi. 


Credits foto: https://www.teatrodellapergola.com/

Keep in touch

Keep in touch
Rimani informato su cosa accade in città! Seguici sui nostri canali social ufficiali e iscriviti alla newsletter!

Iscriviti alla newsletter: a cosa se interessato?

* Iscrivendoti accetti al nostra informativa sulla Privacy, la tua email è al sicuro, non invieremo mai spam e potrai cancellarti in qualsiasi momento